Un partigiano al Marconi

Il Comandante Luciano al Marconi

Durante la festa de “il marconista” del 1° giugno ci ha fatto visita il signor Albino Previtali, nome di battaglia “Luciano”, partigiano della 171^ Divisione Garibaldi – SAP Brigata Ferruccio Dell’Orto – Distaccamento di Dalmine, operaio elettricista alla Dalmine, presidente dell’ANPI Dalmine. Il signor Albino ha incontrato i ragazzi delle due classi quinte informatica che hanno vissuto l’esperienza dell’escursione alla Malga Lunga, sede del Museo della Resistenza Bergamasca.
All’entrata a scuola c’è stato un momento emozionante: Albino si è riconosciuto in un’immagine fotografica su un pannello che ha fatto parte della mostra esposta da Fondazione Dalmine presso la nostra scuola in occasione del convegno sull’industria 4.0.
“Ero proprio un bel ragazzo” ha affermato: Albino ha frequentato la scuola interna della Dalmine e la fotografia è stata realizzata quando aveva 14 anni. Noi l’abbiamo voluto ritrarre così, il “giovane” e il “vecchio”, separati da 80 anni…
Il signor Albino è ancora molto lucido e il racconto della sua vicenda ai ragazzi si è svolto in un’atmosfera attenta e partecipata. Dalle sue parole è emersa la dimensione dell’operaio entrato in fabbrica giovanissimo, del formarsi di una coscienza politica antifascista che lo ha portato a soli 20 anni a organizzare i sabotaggi nella fabbrica, a diffondere la stampa clandestina, a sottrarsi alla cattura raggiungendo le formazioni partigiane che si sono organizzate nelle montagne bergamasche, a partecipare a scontri armati con i fascisti, a patire l’arresto e la prigionia, a sfuggire più volte alla morte. Il signor Albino, il “Comandante Luciano”, alla testa della 171^ SAP Garibaldi – squadra Dalmine occupa nei giorni dell’insurrezione, a nome del CLN, la fabbrica, partecipando poi alla liberazione di Bergamo.
Migliore omaggio non poteva essere fatto alla festa de “il marconista”, dedicata quest’anno alla Costituzione, da parte di una persona che ha combattuto per la libertà e per una nuova società, al fine di stabilire le condizioni necessarie grazie alle quali è nata la Repubblica e la nostra Carta Costituzionale.
Oltre al signor Albino Previtali, la redazione vuole ringraziare di cuore anche l’ANPI di Dalmine per la collaborazione offerta in varie occasioni all’Istituto e ai nostri studenti.